Va dal dentista per un ascesso, lì inizia l’inferno per la madre di 4 bambini
health
03.12.2020

Va dal dentista per un ascesso, lì inizia l’inferno per la madre di 4 bambini

read more

Quello che sembrava essere un semplice ascesso rappresenta l’origine di qualcosa di ben più terribile. Questa madre di famiglia passa delle pene indicibili.Why you really can’t lose weight

Una mamma di 4 figli ha passato ben cinque mesi lontano dai suoi figli piccoli. Tutta colpa di un appuntamento dal dentista, un semplice controllo di routine che però ha rappresentato l’inizio dell’inferno per questa donna. Si era sviluppato nella sua bocca un ascesso dal quale ha avuto poi origine a sua volta una infezione che era arrivata al cervello.

E che stava per ucciderla. Ma Rebecca Dalton adesso sta bene e ha preso a cuore il compito di sensibilizzare le persone a sottoporsi a controlli preventivi periodici. Rebecca ha 25 anni e vive a Snaith, in Inghilterra. Un ascesso di piccole dimensioni era sorto su un dente del giudizio. Andava rimosso e la cosa non sembrava essere troppo impegnativa. Però lei improvvisamente si è ritrovata incinta e quindi non era possibile procedere. Nel frattempo Rebecca stava seguendo una cura di antibiotici, conclusa a marzo. Le cose sono volte al peggio ben presto, tanto da avere pesanti conseguenze anche sul morale di Rebecca.

Sydney baby born without eyes

Lei per 5 mesi non ha potuto vedere i gemellini di 3 anni e la figlioletta maggiore di 5. L’ascesso aveva finito con il coinvolgere negativamente anche il cuore ed il fegato, oltre che il cervello, con la formazione di escrescenze. Nel cervello poi queste andavano a premere contro alcune regioni cerebrali,alterando le capacità cognitive e le funzioni corporee. Ad un certo punto Rebecca ha anche perso le capacità motorie. Inoltre sono sopraggiunte delle problematiche anche nelle facoltà del ricordare. Difatti Rebecca non ricorda più la sua permanenza in ospedale, come se la memoria si fosse oscurata di colpo.Cooking mistakes making you fat

La permanenza in ricovero è coincisa con il periodo più difficile del contagio da Covid in Regno Unito. Per fortuna il virus non l’ha mai interessata. Ed oggi Rebecca si trova a casa, dove sta seguendo una necessaria riabilitazione. Resta da fare ancora molta strada per il suo pieno recupero fisico e lei parla di una esperienza che le ha cambiato l’esistenza. “A 35 anni non crederesti mai di potere essere toccato da un qualcosa di talmente terribile”. Lei punta però a tornare alla normalità di sempre, e quindi anche al lavoro da segretaria, entro il prossimo mese di ottobre.

4785496
read more